Su all about jazz.com si parla di noi!

Ascoltare Franco Cerri è sempre un grande piacere. L’uscita di questo disco coincide con il suo novantesimo compleanno e celebra i 70 anni di una carriera prestigiosa, che l’ha visto affermarsi tra i massimi chitarristi europei e lasciare un segno profondo nel nostro panorama musicale, anche oltre l’ambito del jazz.
L’incisione è stata propiziata da Stefano Coppari, giovane chitarrista marchigiano che collabora con Cerri da qualche anno dopo averlo conosciuto in occasione della sua tesi di laurea. Il gruppo è completato da Lorenzo Scipioni al contrabbasso e Mauro Cimarra alla batteria, due ottimi strumentisti che li accompagnano in un repertorio di standard e un paio di originals dello stesso Cerri.
Il percorso musicale evidenzia quei caratteri di eleganza, attenzione ai dettagli ed equilibrio melodico-ritmico caratteristici del chitarrista milanese ma aggiunge un bel contrasto con lo stile più estroverso di Coppari, caratterizzato da un fraseggio asciutto e una sonorità metallica.
Ovviamente è sulla chitarra di Cerri che si concentra l’attenzione. Volutamente non spettacolare e dal sound ovattato, il suo fraseggio è caratterizzato da un esemplare uso di note e pause, con cui sviluppa un disegno melodico prezioso. Una ricerca d’essenzialità poetica che con gli anni sembra accentuarsi, avvicinandolo a Jim Hall.
I brani sono arrangiati dal leader con eleganza e sobrietà, ponendo attenzione ai dettagli e all’equilibrio complessivo anche in momenti dinamici come il boppistico “One More Twelve Bars” o il variegato “Beautiful Love.” Tra i brani più riflessivi spiccano l’iniziale “My Funny Valentine” dalle ricercate trame cool, il lucido (e un po’ astratto) lirismo di “Caravan” e la dolce bossa nova “Capocabana.”
Track Listing: My Funny Valentine; Copacabana; Caravan; Just Friends; I Let a Song Go Out of My Heart; Take the “A” Train; One More Twelve Bars; Vico Dice; Beautiful Love; When the Saints Go Marching In.
Personnel: Franco Cerri: chitarra; Stefano Coppari: chitarra; Lorenzo Scipioni: contrabbasso; Mauro Cimarra: batteria.
Angelo Leonardi